News

Circolare del Ministro Brunetta sull'applicazione della Legge 104/1992

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta ha firmato il 5 settembre scorso una circolare riguardante l’applicazione dell’art. 71 del Decreto legge n. 112, recentemente convertito in legge, in merito alle assenze dal servizio dei pubblici dipendenti, con particolare riguardo all’applicazione della legge n. 104  del 1992 sui portatori di handicap.

La circolare, che sarà trasmessa alla Corte dei Conti, è consultabile sin da oggi sul sito Internet del Ministero ed è volta a rispondere ai numerosi quesiti pervenuti dalle amministrazioni.

Cosa cambia con gli emendamenti alla Legge 104? Leggi il commento esplicativo su SAPERI PA!

La circolare, dopo aver esposto le nuove modalità di eventuale riduzione della retribuzione in caso di assenza per malattia, esamina la tematica dei permessi sia per i dipendenti pubblici portatori di handicap grave, sia per i dipendenti pubblici che debbono assistere, in maniera continuativa ed esclusiva, familiari con handicap in situazione di gravità. Al fine di evitare abusi e in previsione di un riordino della normativa, il Dipartimento della Funzione pubblica avvierà un monitoraggio sull’attuazione della legge n. 104 del 1992 per la parte riguardante i permessi. Nel pieno rispetto della tutela della riservatezza dei soggetti interessati, si intendono acquisire i dati relativi alla consistenza delle situazioni di handicap grave certificate dalle strutture competenti la loro reale incidenza sull’organizzazione del lavoro, e anche le difficoltà riscontrate dagli stessi dipendenti pubblici, titolari di permessi, nell’applicazione complessiva della legge. Scopi del monitoraggio sono il riconoscimento effettivo dei diritti di accesso alla legge n. 104 del 1992, il corretto funzionamento della legge nell’interesse degli aventi diritto e la maggiore efficienza della pubblica amministrazione.

“La materia - scrive il Ministro Brunetta - è di estrema delicatezza e di assoluta rilevanza, in quanto riguarda sia la sfera privata dei dipendenti pubblici, sia la correttezza dei loro rapporti con l’amministrazione, con i colleghi e con i cittadini. Con la circolare si invitano, quindi, le amministrazioni a far conoscere le eventuali criticità riscontrate nell’applicazione delle norme, anche in vista di imminenti interventi legislativi”.

Nelle circolare sono contenuti anche alcuni riferimenti a prossime iniziative normative a favore dei dipendenti pubblici donatori di sangue e midollo osseo.

 

 

FONTE: Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione

Your rating: Nessuno Average: 3.4 (19 votes)

Commenti

Cosa cambia con gli

Cosa cambia con gli emendamenti alla Legge 104? Assolutamente nulla!Continua ad essere una legge che aiuta i furbi ad esserlo ancora di più!

Ministro Brunetta,può fare un

Ministro Brunetta,può fare un commento sui numerosi "commenti " inviati da cittadini esausti,che chiedono a gran voce una revisione concreta ed urgente della legge 104?
Giusto per sapere cosa ne pensa!

legge 104

Si parla tanto, oggi, in Italia di sprechi e "Furbetti" di vario tipo.Ma gli sprechi e i furbetti che si celano dietro la legge 104 perchè non vengono smascherati? Perchè non si prendono seri provvedimenti? Ma da quando ,per accudire un genitore che soffre dei malanni purtroppo associati alla vecchiaia,si deve godere di una legge che concede con troppa generosità permessi retribuiti ,ma che allo stato costano fior di quattrini per sostituire i dipendenti "infermieri" ed elargire,contemporaniamente ,importi per "l'accompagnamento" degli infermi.E che dire ,poi,delle precedenze di cui godono questi dipendenti infermieri nei trasferimenti e nelle graduatorie interne,a dispetto di quei poveri diavoli dei loro colleghi che non prendono un giorno di malattia o di permesso e che ,faticosamente ,negli anni hanno messo da parte un cospicuo punteggio di anzianità annullato dall'ultimo arrivato con tanta di "104 certificata".Può essere considerato normale un così elevato numero di persone alle quali viene concessa ,neanche con troppa fatica,la 104?Su cinque dipendenti può capitare che addirittura tre usufruiscono di 104!
E come mai,se la sede di lavoro per questi dipendenti non può essere molto distante dall'abitazione dell'assistito ,si concedono vacanze anche oltre oceano e fine settimana fuori sede?
Facciamo chiarezza Signor Ministro,la prego!

sentenza

Vai in questo sito e leggi bene la sentenza, un primo passo contro i furbi.

http://www.dirittoscolastico.it/consiglio_di_stato_-_sentenza_n_825-2010...

era ora!!!!.

....era ora!!! Nella scuola la situazione era diventata insostenibile

Mi hai dato la più bella

Mi hai dato la più bella notizia che aspettavo da tempo! Il senso della giustizia sta per prendere il sopravvento!
Evviva il Consiglio di Stato!

Egregio amico mio, se pensi

Egregio amico mio, se pensi che tutti quelli che hanno diritto alla 104, posso dirti che hai preso una cantonata; io sono uno che usufruisce della legge 104, purtroppo non per accudire i miei genitori di cui uno è passato a miglior vita dopo aver vissuto i postumi di un brutto ictus. Io lavoro a scuola, non sempre usufruisco dei 3 giorni al mese del permesso. In vita mia i giorni di permesso li prendo al posto dei giorni di malattia (faccio terapia salvavita) in altra città e devo mancare almeno un mese si e uno no.Tutti giorni sono presente al lavoro inizio alle 08 e termino alle 14. Poi nel CCNL vai a leggere che la precedenza nei trasferimenti ex L:104/92 è diventata ininflunte in quanto si segue la graduatoria. La legge viene applicata solo per trasferimenti annuali. Informati.

Il Ministro Brunetta fa finta

Il Ministro Brunetta fa finta di non sentire gli abusi e le truffe della legge 104. Lui combatte solo i fannulloni che si assentano per malattia.
Ministro, tanto Lei sa benissimo che i verii fannulloni che si fingono malati tra i pubblici dipendenti, per fare i loro comodi, sono veramente pochi e andrebbero licenziati, mentre i falsi centoquattristi sono veramente tanti, troppi, anche a causa dell'inerzia di questo governo

Legge 104

Leggo i commenti e mi rendo conto sempre più che in Italia sono i "furbi" a far carriera e noi poveri operai dilegenti al lavoro rimarremo sempre nelle fascie basse.Leggendo l'ultimo commento vedo che in tutta Italia vige tale furbizia.Le porto l'esempio di una mia carissima amica dell'età di circa 40 anni.Ormai da nove anni presta servizio come collaboratrice scolastica ed è ancora una "precaria", fino ad ora fortunatamente ha lavorato nella sede che dista a 20 km da casa sua.Ora grazie (se così si può dire) alla legge 104 ed ai tagli si trova a dover cambiar sede percorrendo così una distanza di 80 km circa all'andata e 80 al ritorno. Premetto che queta mia amica si trova alla posizione 140 circa a differenza di colleghe con permessi 104 nelle posizioni 200 fino a 500 circa.Tali persone hanno diritto di scegliere la sede prima di tutti e ovviamente hanno diritto di lavorare il più vicino possibile all'abitazione.Una sua collega ad esempio ha cominciato a lavorare 3 anni dopo la mia amica eppure sceglie sempre prima di lei perchè avente diritto alla legge 104. Fino a quì nessun problema. Il problema però nasce dove tale collega richiede la 104 per assistere la figlia?Direte voi:questo si sapeva già che hanno diritto!La figlia però si trova in una comunità dove viene assistita dalla mattina alla sera e curata dal Lunedì al Venerdì mentre la madre usufruisce della legge per poter far shopping, andare dall'estetista, fare la spesa e così via per non parlare delle così dette ferie prolungate....dove stranamente il permesso 104 viene preso il venerdì o il lunedì o ancora meglio nei così detti ponti....!Per concludere questa mia amica vive solo con lo stipendio di collaboratrice in quanto non ha genitori, non ha nonni perchè morti e non è sposata a differenza della collega che ha un marito, ha uno stipendio suo, ha un'accompagnatoria per la figlia e l'aiuto dei genitori.Ora porgo a lei la domanda, noi operai diligenti al lavoro e presenti costantemente come veniamo trattati?Chi ci tutela?Chi ci ha mai blasimato?Se chi ha il permesso 104 viene posto in primo piano allora anche chi dopo 9 anni di servizio diligente e si trova ai proimi posti ha diritto ancora maggiore di essere tenuto in considerazione, forse più di chi sfrutta il permesso 104 per i propi comodi!
La ringrazio sperando in una sua risposta.

104 FALSE

ALLA CORTESE ATTENZIONE DEL MINISTRO BRUNETTA

Siamo un gruppo di insegnanti della provincia di Catanzaro (Calabria).
Le scriviamo perché deluse ed amareggiate dalle troppe ingiustizie che il mondo della scuola fa finta di non vedere.
Il problema è alquanto serio ed è il seguente:
 dal 1992, è in vigore la famosa legge n° 104 nata per dare aiuto alle persone gravemente malate e, quindi, incapaci di autogestirsi; in realtà, tale legge è diventata un business che consente agli aventi diritto di precedere tutti e chiunque sia per la mobilità del personale docente (provinciale ed interprovinciale) sia per le graduatorie interne di istituto.
Il business sta nel fatto che, certo non tutti, ma una buona parte degli insegnanti che usufruiscono di tale legge affidano i loro malati a delle badanti dichiarando, invece, di essere le uniche persone ad assisterli (requisito fondamentale che consente di godere di tale legge); così accade che:
1. i malati sono affidati a mani altrui (contro legge);
2. i familiari beneficiari falsificano i documenti dichiarando di essere gli unici ad assisterli;
3. dichiarando ciò, hanno diritto alla legge n° 104 e quindi:
a. dichiarano il falso;
b. beneficano delle precedenze, superando anche coloro che posseggono più punti e più anni di servizio;
c. le povere perdenti posto vengono, anch’esse, pur avendo più punteggio, servizio, e perso il posto di lavoro nella loro sede, superate, come se non bastasse, dalle insegnanti con 104 false;
d. tali insegnanti godono, oltretutto, di tre giorni di permesso mensile, previsti dalla 104 per assistere il malato, ma che, invece, impiegano in gitarelle familiari o extrafamiliari.
La domanda è:
 come mai lo Stato non interviene per verificare se effettivamente quanto dichiarato sia vero? e si limita soltanto a credere alle autocertificazioni false?
 perché non premiare chi adempie ogni giorno al proprio dovere facendosi, oltretutto, carico dei bambini che rimangono senza i loro insegnanti in quei “tre famosi giorni di gitarelle”?

CHIEDIAMO:
CHE LA LEGGE N ° 104 SIA RIVISTA E CHE EFFETTIVAMENTE VENGA CONCESSA A CHI DAVVERO ASSISTE IL PROPRIO MALATO, NON A CHI DICHIARA DI FARLO E POI ABITA A 30 KM DI DISTANZA DAL PROPRIO MALATO O, PUR ABITANDO VICINO, LO AFFIDA A MANI ALTRUI.
CHE ASSISTENZA E’ QUESTA??????????????????????????!

legge 104

Vorrei rispondere a queste persone che palesemente dimostrano di non aver conoscenza approfondita della legge. Per avere l'autorizzazione dalla propria amministrazione di poter usufruire della legge 104, il diversamente abile deve dimostrare con certificati alla mano, di avere difficoltà per la deambulazione o essere malato terminale (sottoposto ad accertamenti medico-legali). E' ovvio che in tre giorni mensili (questi sono i giorni che prevede la legge), colui che usufruirà della legge 104 non può essere sempre vicino al diversamente abile. Una badante ha diritto ad un giorno di riposo più un'altra mezza giornata durante la settimana. Fatevi i conti e i tre giorni della legge 104 non sono neanche sufficienti.
Dimostrate, ringraziando Dio, di non avere anziani con problemi di salute.
Buona serata.

sfortunato chi ha bisogno degli altri!!!!

Rispondo a tuuti quelli inviperiti contro la 104/92. Mia madre è paralitica dal lontano 1981, quindi in tempi non sospetti, ho sacrificato la mia gioventù(avevo poco più di vent'anni).Bene,a tutto ciò si è aggiunta la cecità. A chi mi "INVIDIA" quei STRAMALEDETTI tre giorni rispondo:
1)le badanti spesso ti piantono in asso nel giro di un minuto perchè sono mercenarie(una se ne è scappata mentre ero a scuola);
2)quando le metti in regola deve prendere giorni per girare negli uffici, altro che "giterelle",
3)a Natale ti piantano per venti giorni, e tu sei sepolta in casa con tua madre,neanche un giorno libero,i vicini ti fanno la spesa; VOI SANI INVECE VI GODETE LE FESTE IN SANTA PACE. Non posso pregettare un viaggio estivo perchè c'è sempre l'incognita. Chi mi riderà ciò che ho perso?
2)una ricerca medica ha dimostrato che il familiare che assiste il disabile sviluppa patologie: ragion per cui se una tantum,compatibilmente con la situazione INFAME ci prendiamo un giorno di gitarella non facciamo male a nessuno!

I nostri genitori hanno avuto

I nostri genitori hanno avuto talmente gravi problemi di salute che sono morti !E per assisterli abbiamo fatto salti mortali ,andando a lavorare tutti i giorni e facendo i turni con i parenti per l'assistenza e,in ultimo,affidandoci ad una badante a nostre spese !Ma queste sono cose di altri tempi!

ancora sulla 104

"carissimi" colleghi, ognuno di voi dovrebbe avere un handicappato a casa, solo per un mese, per capire il dolore vissuto con dignità e silenzio dalle famiglie. Forse voi vivete sulla luna e non sapete che in Calabria (la sanità se la sono mangiata mafia e politica), le famiglie con disabili sono lasciate completamente sole e devono fare affidamento sulle proprie forze e soldi. Io faccio parte dei privilegiati della 104 e difendo con le unghie (come ho difeso mio fratello nel corso degli anni) questa legge nata in un momento particolare della vita italiana (momento che non si ripeterà più). Scendete nelle piazze, protestate per i tagli, ribellatevi allo scempio che si sta facendo della scuola pubblica, operate per una scuola di qualità, formatevi.Ne ho visti in questi 22 anni d'insegnamento docenti ignoranti anche dei propri diritti e doveri, servi di dirigenti interessati a spartirsi i finanziamenti per i progetti PON. Ho visto docenti di sostegno impreparati e quante volte ho denunciato in collegio che i disabili servono alla scuola per avere le classi e i docenti, ma non si parla di vera e propria integrazione.
"Cari" colleghi,
entrate in classe e lavorate, educate gli alunni ad essere cittadini onesti.
Se qualcuno vuole sostituirmi nei giorni di permesso, si faccia avanti.

non sui colleghi di lavoro

Giuste osservazioni, ci vogliono più ore di permesso se la 104 è vera e la situazione lo richiede, ma la 104 non va utilizzata per fregare il posto di lavoro ai colleghi. Solidali si pestati NO!

Hai perfettamente ragione! E'

Hai perfettamente ragione! E' su questo che si deve discutere!

Stai a casa collega quando

Stai a casa collega quando vuoi ! Ma noi non vogliamo perdere il nostro posto di lavoro perchè una new entry dodata di 104 e con metà del nostro punteggio ci scavalca in graduatoria !! Tranquillo ci batteremo per tutto quello che non va nel mondo nella scuola ma questa della 104 è una vergogna legalizzata . Bastaaaa!

L. 104

IO CREDO CHE VOI PRECARI AMMAZZERESTE VOSTRA MADRE PER QUESTO LAVORO. MA VI RENDETE CONTO DI COME PARLATE? !""IO HO LA LEGGE 104"" SU ME STESSA E NON AUGURO A NESSUNO PERCHE LA HO.PENSATE A LAVORARE E BASTA E NON A CONDANNARE CHI HA VERI PROBLEMI. VERGOGNATEVI...!!! E CON VOI IL MINISTRO BRUNETTA CHE NON TUTELA CHI E DAVVER MALATO COME ME E TANTI ALTRI!! CON DECURTAZIONE STIPENDIO NON PUOI PIU AMMALARTI ALTRIMENTI SONO C... DOPO IL DANNO ANCHE LA BEFFA. E DITEMI SE E POCO. RINGRAZIATE IDDIO CHE STATE BENE E NON A GIUDICARE CHI STA MALE.""ANCORA VERGOGNAAAA""

emergenza 104 nelle scuole

Graduatorie di istituto per individuare i docenti di troppo su 12 con media di 4 nella mia scuola l' anno scorso solo n. 2 centoquattristi quest'anno n. 10 quasi uno per graduatoria e l'anno prossimo prevedo guerra fratricida fra i centoquattristi. Chiudiamola con questa pagliacciata gli diano tutti i permessi che vogliono ma lascino stare le gerarchie interne stabilite da regole condivise e consolidate da anni e anni.

emergenza 104 nella scuola superiore

Concordo e ora sarà anche peggio. Con la riforma delle superiori in arrivo tutti a ricorrere alla 104 per assistenza ai genitori anziani, tutti ne abbiamo più o meno acciaccati, per salvarsi dai tagli previsti al personale e ad alcune classi di concorso. E' una vera e propria emergenza! Con graduatorie corte nelle superiori tutti si sentono in pericolo e le richieste di 104 sono salite vertiginosamente tanto da far dilagare incertezza e disappunto. Non sono richieste per ottenere i permessi per assistere un disabile, per loro ci pensano le badanti, ma per mettersi al sicuro e fregare il collega più anziano che così si vedrà dopo tanti anni nella stessa scuola cacciato nel resto della provincia. Vi pare una cosa giusta?

Si stanno svegliando

Pare che nella contrattazione per la mobilità per l'anno prossimo in corso in questi giorni al ministero la cosa sia stata presa in considerazione sia dai sindacati che dall'amministrazione. ERA ORA!

Nella contrattazione per la

Nella contrattazione per la mobilità per l'anno prossimo non è stata presa in considerazione nè dai sindacati nè dall'amministrazione. Nessuno ancora si è svegliato! E ora chi ci aiuta?

Spero che sia vero! Se ne

Spero che sia vero! Se ne parla troppo,ma non se ne fa mai niente!E dopo 30 anni di onorato servizio e quasi 60 anni di età ,grazie alla riforma Gelmini e ai sempre più numerosi "104" , rischio di andare in esubero !Grazie per il benservito!

Finalmente qualcuno che cita

Finalmente qualcuno che cita anche la riforma Gelmini, e non solo i titolari dei benefici della 104, come responsabile delle storture... non dimentichiamo che alla base di tutto ci sono i tagli alla scuola pubblica, ai quali non ha corrisposto altrettanto rigore in quella privata: i fondi o ci sono per la scuola pubblica o non ci sono per nessuno, questo direbbe la Costituzione (povera carta straccia).

....... lo spero

......lo spero, perchè altrimenti è veramente uno scandalo permettere una tale stortura

Gent.mo Ministro Brunetta,

Gent.mo Ministro Brunetta,
mi associo all'appello di tutti gli altri colleghi che le chiedono di fare giustizia sull'uso improprio della legge 104. La prego di riflettere sul fatto che se la legge 104 consentisse soltanto i permessi per assistere i propri famigliari e tali permessi fossero certificati le richieste per ottenere la 104 si ridurrebbero drasticamente . Intendo dire che la legge dovrebbe limitarsi a garantire l'assistenza e non la precedenza sul posto di lavoro! Insegnare a trenta km dal paese di residenza della persona assistita non cambia la sostanza delle cose potendo usufruire dei permessi. Le assicuro che questo metterrebbe la parola fine a tante richieste di 104 che hanno come obbiettivo soltanto quello di potersi scegliere il luogo di lavoro più favorevole a discapito di colleghi che dopo trenta anni servizio si ritrovano fuori sede . Quello che va salvaguardato è il diritto all'assistenza e nel caso di problemi personali la possibilità di poter stare a casa in caso di necessità! Non le sembra corretto questo?

Noi rispondiamo,il Ministro

Noi rispondiamo,il Ministro Brunetta no!

grazie alla 104 ottenuta per

grazie alla 104 ottenuta per assistere genitore anziano alcune ns colleghe cn pochissimi punti hanno avuto la possibilita' di scegliere scuole più vicine a casa loro...senza sapere minimamente che significa avere una famiglia dei figli e ogni giorno salire e scendere da bus e treni per raggiungere i paesi della provincia...
colleghe beneficiarie poi che hanno perso i genitori, ma che godono ancora del privilegio della 104...
ma in che mondo viviamo?
il beneficio della 104 non puo' essere eterno!!

Per prima cosa occorre

Per prima cosa occorre riconoscere che la Legge 104/92 è una buona legge; come molte l leggi si presta si presta ad innumerevoli abusi. Questo succede perchè non c'è un adeguato controllo sulla persistenza dei requisiti iniziali.
Negli ultimi tempi le Commissioni addette rilasciano valutazioni limitate nel tempo; entro il tempo pòrevisto il cittadino che ha usufruito dei benefici della 104 deve sottoporsi a nuova visita e se i presupposti non ci sono più viene redatto un buovo verbale ed i benefici decadono.
A queste cionsiderazioni ne vanno aggiunte altre che riguardano il comportamento di noi cittadini. Siccome la maggior parte di noi pretende che il proprio dovere lo facciano gli altri ecco che si spiega come molte cose nel nostro Paese non funzionino o funzionino male. Da noi il valore dell'individuo è legato al suo "status" ed alla protezione che può vantare nelle vasrie stanze del potere qualsiasi esso sia.
In un Pese civile quando un cittadino gode dei diritti ad esempio per la malattia di un familiare, quando le condizioni vengono meno si guarda bene dal segnalarlo ma al contrario continua ad usufruire die benefici anche se le condizioni sono venute meno.
Per cocludere, tutte le ingiustizie potranno trovare soluzione se ognuno di noi fara la sua parte.
Natale

legge 104 e sede di lavoro

Ciò che fa rabbia alla gente che subisce negativamente la fruizione della 104 da parte di colleghi di lavoro non sono i permessi per assistere il disabile ma il fatto che questa situazione determini le gerarchie interne stravolgendo i diritti sulla stabilità del posto di lavoro. Se nel mondo della scuola in questo periodo di tagli consistenti alle dotazioni organiche sta montando la protesta degli insegnanti penalizzati è tutta colpa non della legge ma dall'uso che l'amministrazione ne fa fare. Mi spiego meglio, Se un dipendente assiste un genitore ultraottantenne con acciacchi vari e gravi tali da giustificare la necessità di assistenza non si comprende perchè questo debba determinare in via definitiva un vantaggio pur sapendo che trattasi di situazione che varierà certamente negli anni successivi, purtroppo i nostri genitori non sono di ferro. Quindi deve coincidere il bisogno di assistere con la fruizione del beneficio. In sostanza se cessa la necessità deve cessare il beneficio quindi la scelta ove possibile della sede di lavoro deve, in caso di assistenza a genitori e solo in questo caso, solo temporanea. Un esempio di scempio dello spirito di questa legge è il caso di un insegnante in servizio in una scuola media vicino casa che dopo 27 anni di servizio continuativo nella stessache si è visto sbattuto a lavorare in un paese a 65 Km di distanza perche l'anno precedente è entrato in organico un giovane docente "fruitore" dei benefici della legge in materia di sede di lavoro nonostante il fatto che la nuova sede di lavoro del docente anziano fosse più vicina e quindi più adatta all'assistenza del sisabile del cosiddetto "fruitore" che invece risiede in tutt'altro posto.Vi pare che le cose siano rispettose dello spirito della legge? Si potrebbe dire "ingiustizia è fatta"!

il bubbone 104

Il prossimo anno con la riforma della secondaria nelle scuole succederà il casino! Tutti a caricarsi (fittiziamente il genitore ultra 75 ovviamente con 104) in casa
Cosa fare?
Basta una sola frase nel prossimo contratto di mobilità della scuola: " il diritto di precedenza di cui alla Legge 104/92, art.33 c.5, viene riconosciuto solo all’interno della mobilità annuale, prevedendo eventualmente le conferme negli anni successivi in presenza dello stesso posto e della conferma dello stato di beneficiario.
Quindi la precedenza viene prevista solo nella fase di utilizzazione anziché in sede di individuazione dei soprannumerari"
Mi chiedo se viene così soddisfatto il principio di assistenza previsto dalla 104???
Io dico di si anzi anche abbondandemente!!!

legge 104

LEGGE 104
risulto soprannumeraria perchè una collega usufruisce della104 per assistenza alla mamma. Tutto il rispetto per la sofferenza; ma, mi chiedo, come mai la suddetta, sia l'anno scorso che l'anno prima non abbia volutamente (da lei dichiarato ) fatto domanda di trasferimento in una scuola del suo paese, visto che c'erano ben tre cattedre disponibili, sarebbe stata vicina alla sua mamma.....e non a 12 Km di distanza. Sono amareggiata e mi chiedo se la legge 104 sia nata per proteggere CHI?
Ministro Brunetta controlli la preghiamo. Chi paga le conseguenze di questa legge siamo noi, già in là con gli anni e non è giusto!!!!!!!!!!!!!!!!!

abuso della 104

Ho 59 anni ed insegno matematica (da 31 anni) in un I.T.C.. Nella mia scuola quest'anno risultano sovrannumerari 2 docenti, scavalcati da due centoquattristi. Se l'anno prossimo dovessero esserci ancora contrazioni di organico toccherà a me smammare, pur essendo seguito da altri 5 in graduatoria (tutti con 104). Nel mio istituto il 40% dei docenti ha la 104! E' uno schifo! Sapete perchè? Molti di costoro sono sempre presenti nella scuola (anche di pomeriggio):come funzioni strumentali, presentatori di progetti d'istituto dei più fantasiosi, esperti-tutor di progetti PON (finanziati dalla Comunità europea); presentano (pur essendone esentati) domanda come Commissario o Presidente di commissione per gli esami di Stato nelle sedi più lontane (che danno luogo ad un maggiore compenso). Mi chiedo: come fanno ad assistere il congiunto handicappato grave con "continuità ed esclusività" quando sono a scuola ogni pomeriggio o lontano per 20 giorni per gli esami di stato? Non sarà mica che l'handicap del parente è a comando e si manifesta solo quando chiedono le tre giornate mensili (ovviamente le più cariche di ore!). Questi furbastri all'italiana si trincerano dietro l'handicap "grave" (sicuramente sempre vero, visto che viene certificato da commissioni formate da specialisti tedeschi o svedesi, per i quali se si scrive "grave" significa... "grave").
Qualcuno, magari un D.S., che vuole far funzionare meglio la scuola ed evitare gli abusi dovrebbe dire a costoro: Vabbè, una legge sacrosanta tutela chi, giustamente, deve assistere con continuità ed esclusività un parente con grave handicap. Allora 1) non potrai avere altri incarichi retribuiti che ti toglierebbero tempo all'assistenza all'handicappato grave, così potrai stare il pomeriggio, come è giusto, con lui. 2) Il tuo orario settimanale, senza giornata libera, avrà le ore ben distribuite in tutti i giorni della settimana (ad es. 3 ore al giorno), così quando ti assenti porti meno disagio alla scuola. 3) I corsi IDEI a pagamento pomeridiani saranno affidati ad altri docenti, per i motivi di cui sipora. 4) Le domande per partecipare agli esami di stato non dovranno essere presentate dai suddetti docenti e gli interni saranno sostituiti da colleghi dello stesso istituto. Il tutto per consentire loro un'ottimale e sacrosanta asistenza al congiunto!
P.S. Per chi non lo sapesse, possono essere esclusi dalle graduatorie dei sovrannumerari solo coloro che assistono parenti di primo grado, non zii o altro!

legge 104

ANCH'IO SONO STATA DICHIARATA SOPRANNUMERARIA X 2 ANNI CONSECUTIVI CAUSA LEGGE 104. IL MINISTRO OLTRE A RIVEDERLA
DOVREBBE FARLA APPLICARE IN MANIERA ADEGUATA. LA LEGGE 104 CONTIENE 2 ARTICOLI DIVERSI IL 21 E IL 33, I QUALI NON DOVREBBERO ESSERE APPLICATI ALLO STESSO MODO.

I BENEFICIARI DELLA 104 HANNO INNUMEREVOLI AGEVOLAZIONI, CREDO CHE SIANO SUFFICIENTI A TUTELARE LE LORO NECESSITA'. ORA BISOGNEREBBE TUTELARE CHI PAGA LE CONSEGUENZE DI QUESTA ERRATA APPLICAZIONE.
ME NE FACCIO PORTAVOCE E SPERO DI TROVARE RISCONTRO A QUESTA INGIUSTIZIA.
FACCIA CHIAREZZA SIGNOR MINISTRO, CREDO SIA ORA.........GRAZIE!

non capisco tutto questo

non capisco tutto questo scalpore per la legge 104.
Innanzitutto il diritto viene riconosciuto da una commissione, e posso asscurarvi
che in Friuli Venezia Giulia, questa commissione è molto rigida!!!!
Io ho un padre ammalato del morbo di Parkinson, e da aprile ho diritto alla legge 104. Mio fratello lavora all'estero e mio padre è vedovo di seconde nozze.
Per chi non ha mai avuto invalidi in casa, non sa cosa vuol dire e come viene
stravolta la vita dei parenti.
Lavoro nella P.A. da poco, e quando ho fatto richiesta della legge, ho avuto la
solidarietà solo di chi era già passato per un calvario simile al mio.
Per gli altri, questi 3 giorni mensili, sono solo 3 giorni in meno al lavoro, quasi delle
ferie rubate.....Nasi storti e sorrisini indisponenti.
Non auguro a nessuno di convivere con malattie, ma prima di giudicare e puntare il dito, pensate a cosa fareste voi in situazioni simili.....
Il ministro Brunetta deve guardare ben altre criticità del sistema, tipo dirigenti
incompetenti e inesistenti, che però prendono stipendi sostanziosi , con premi di produzione fasulli (e non ditemi che ci sono i controlli sui premi di produzione!!!!!!).
Ma è più facile sparare verso il basso, che verso l'alto.......

tutte bugie

mi dispiace per il tuo papa ma vedi anche il mio aveva il morbo di parkinson e ci e' morto ma io non ho chiesto la 104 e non perche' aveva la badante,ma perche' non mi e' venuto neanche in mente di chiederla,io non giudico chi ce l'ha ma se permetti su 10 che hanno la 104 7emezzo se ne approfittanonella scuola dove io lavoro siamo in 5 e due hanno la 104 per i parenti,e ti posso assicurare che sanno tutti i loro diritti ma conoscono poco i doveri,il piu delle volte e' questo che ti fa inbestialire,e per favore non dite sempre dovette provare ad avere un malatto per capire tutti abbiamo avuto o abbiamo un malatto a casa

abuso della 104

Comunicato UILSCUOLA dicembre2008
"La sera del 15 e la mattina del 16 è proseguito il confronto tra l’Amministrazione e le Organizzazioni sindacali sulla contrattazione relativa alla mobilità del personale docente ed ATA, per l’anno scolastico 2009/10. Per la UIL scuola ha partecipato Pasquale Proietti.
Il confronto, ancora nella fase interlocutoria, è proseguito nella “manutenzione” del testo, rinviando a successivi incontri il confronto su eventuali problemi derivanti dai regolamenti attuativi del piano programmatico.
Ricordiamo che nel precedente incontro la UIL ha proposto:
• di garantire i diritti di precedenza di cui alla Legge 104/92, art.33 c.5, solo all’interno della mobilità annuale, prevedendo eventualmente le conferme negli anni successivi in presenza dello stesso posto;
• di prevedere la precedenza nella fase di utilizzazione, anziché in sede di individuazione dei soprannumerari, nelle Scuole per i beneficiari della Legge 104/92, art.33 c.5;"

Mi chiedo perchè una proposta così ragionevole non sia stata poi approvata ed inserita nel contratto sulla mobilità è un mistero?
Nessuno vuole negare il diritto di assistere il familiare con 104 ma farlo diventare un privilegio non è giusto. Molti di noi hanno i genitori anziani con acciacchi vari da 104 e quindi potremmo trovare più beneficiari che non nelle graduatorie interne e per questo un rimedio va trovato per evitare ingiustizie. Ricordo che circa 10 anni fa le 104 per genitori anziani erano vincolate al permanere per un quinquennio dello status di beneficiario e in molti casi veniva meno il " beneficio" per sopragginti decessi nel quinquennio di riferimento in altri casi addirittura prima della pubblicazione dei movimenti e gli stessi venivano revocati. Perchè adesso non più?

Sono contenta del ministro

Sono contenta del ministro Brunetta e gli chiedo di andare avanti così.Anzi per la legge 104 deve mandare più controlli,più accertamenti;perchè per colpa degli imbroglioni andiamo di sotto noi che ne abbiamo veramente bisogno;anzi suggerirei al ministro per chi ha la 104 non personale di controllare che effettivamente il parente malato vive con colui che vuole usufruire della legge.

LEGGE 104 E MINISTRO BRUNETTA

SONO UN TETRAPLEGICO...!! E POSO DIRE CHE OGGI IL DISABILE E' UNA TORTA CHE SI SPARTISCONO IN MOLTI ,ED IN VARI MODI ,SOTTRAENDO FONDI CHE ALTRIMENTI POTREBBERO AIUTARE NOI VERI PORTATORI , SPESSO CON PENSIONI DA FAME E SENZA UN'OCCUPAZIONE..!!PERTANTO, FORZA BRUNETTA , SPAZZI VIA GLI ARRIVISTI PARACULO, CI AIUTI AD EVTARE CHE I NOSTRI DIRITTI VENGANO CALPESTATI PER L'ENNESIMA VOLTA E SI ADOPERI AFFINCHE' IL RICNOSCIMENTO DELL'INVALIDITA' AI SENSI DELLA LEGGE 104 ABBIA TEMPI RAPIDI E NON COME NEL CASO DEL SOTTOSCRITTO CHE ATTENDE UN VERBALE PER LA RICONFERMA DELLA PROPRIA E INAPPELABILE INVALIDITA', DA CIRCA TRE MESI.

Emergenza 104 nelle scuole

Nelle scuole oramai oltre un terzo dei docenti risultano beneficiari della legge 104: un numero veramente insolito e oserei dire sospetto. Molti colleghi ne usufruiscono in maniera sacrosanta e i benefici sono anche troppo limitati. Purtroppo però siamo nel paese dei furbi e molti dichiarano il falso, sostenendo con semplici autodichiarazioni di occuparsi in maniera continuativa di genitori, suoceri o addirittura zii, ma non è assolutamente vero. Il problema grosso di quest'anno è che con le contrazioni previste dalla Gelmini molti docent rischiano di perdere la sede di servizio ed è concesso ai titolari di 104 di uscire completamente dalle graduatorie dei perdenti posto. Io sono un'insegnante di scuola primaria che sta perdendo il posto, superata in graduatoria da tre 104, di cui solo una è reale e oggettiva. La ritengo una grossa ingiustizia. Fate qualcosa!

Infatti, quelli che ne

Infatti, quelli che ne abusano di più sono proprio i docenti, soprattutto quelli calabresi. Guardando i trasferimenti in entrata del 2009-2010, scuola primaria, al provveditorato di Cosenza, hanno ottenuto il trasferimento solo quelli con la precedenza. La cosa andrebbe verificata, altrimenti il mondo sarà sempre dei furbi e come sempre ci rimettono le persone oneste. Quella che scrive è una calabrese, che spesso si vergogna di esserlo vedendo queste cose.

AUGURI!

L'unico commento che io posso fare è solo quello di augurarti di essere beneficiaria della 104, così non potrai più essere perdente posto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

INVIDIOSI DELLA 104

auguro a tutti quelli che non hanno la 104 di averne una quanto prima. Auguro a tutti quelli che hanno scritto infamie sulla 104 di avere una 104 il più presto possibile.Auguro a tutti di avere una figlia come la mia che ha una diagnosi di autismo e al più presto possano avere una 104. Auguro a tutti questo marchio a vita fatto di ignoranti che hanno comprato licenze medie, diplomi magistrali,diplomi di sostegno ecc..........ecc...........VERGOGNATEVI!!!!!!!!! VERGOGNATEVI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! INVIDIATE L' HANDICAP VE LO AUGURO CON TUTTO IL CUORE VI AUGURO GLI SGUARDI CATTIVI DELLA BRAVA E SANA GENTE COME VOI!!!!!!!!!!!!! CARO MINISTRO IO SONO UNA TUA FANS FAI PULIZIA NELLA SCUOLA VEDRAI QUANTO MARCIUME C'é!!!!!!!!!!!!!!!!!

Sei solo accecata dall'odio e

Sei solo accecata dall'odio e dal rancore.Nessuno di noi è colpevole di quello che ti è successo.Come puoi buttare fuori imprecazioni di questo genere! Vergognati tu per aver solo pensato tutte le cose che hai detto! Se non l'hai capito,chiediamo solo giustizia , rigore e onestà da parte di tutti!

ma perche'?

ciao,ho quotidianamente a che fare con mamme che hanno figli ammalati,faccio la bidella in una scuola speciale,dove ci sono 40 bambini che il piu sano e' autistico e ti giuro che nessuna delle mamma di quese creature e cosi cattiva come te,scusami tanto se mi permetto,ma mai in 15 anni che lavoro in quella scuola ho sentito tanta cattiveria,anzi sono le prime che dicono che la 104 viene data a cani e porci a discapito di chi ce l'ha veramente bisogno,cerca di capire che la gente e' stufa di vedere tanta gente che approfitta delle disgrazie altrui.ciao da lilli e auguri anche a te che forse ne hai piu bisogno

non ti firmi perchè sei un

non ti firmi perchè sei un cretino/a.Non hai capito che le proteste sono contro i furbi.Io ho una collega che staziona nella mia scuola mentre nel circondario,tutte a egual distanza ce ne sono almeno 6 e ,anzi alcune più vicine al suo domicilio....ma dov'è adesso lavora poco e niente ,quindi sta bene e può...assistere meglio il figlio!!!non so se ho reso????

Uso della legge 104 e stravolgimento delle graduatorie interne

Mi troverà tra poco in una situazione identica.E' doloroso subire , dopo aver fatto della correttezza verso i colleghi e gli alunni una bandiera, una autentica estromissione dalla propria sede di lavoro e di residenza dopo 30 anni. E si tratta dei soliti furbi!!!!!!!!!!!
Il ministro Brunetta dovrebbe fare qualcosa....

Ma perchè non protestate

Ma perchè non protestate contro i tagli finanziari all'Istruzione, come stanno facendo tanti docenti, invece di prendervela con i colleghi? Le ingiustizie che lamentate non esisterebbero se non ci fossero la Gelmini e Brunetta... Qualcuno abusa della l. 104? Possibile, ma perchè non ve ne siete accorti prima? Solo perchè adesso, con il ridimensionamento dell'istruzione pubblica (naturalmente a vantaggio di quella privata), tante situazioni che si davano per scontate vengono spazzate via in un battibaleno... è questo il vero scandalo!

Non ho nessuna simpatia per

Non ho nessuna simpatia per Gelminie Brunetta e lo scandalo 104 risale ai modi in cui è stata congegnata la legge. Non ce la prendiamo con i colleghi, ma con i soliti colleghi furbi, che evidentemente mancano di dignità, visto che sono disposti a rispolverare la zietta un po' malconcia, che ieri nessuno voleva assistere ma che oggi, di fronte al rischio, non dico di cambiare comune, ma soltanto di cambiare scuola, è come la manna. Almeno che vengano fatti i controlli dovuti. Ma cher volete che importi al governo che comunque non riceve alcun danno finanziario. E poi volete che a qualcuno della casta interessino i diritti che i lavoratori senza 104 hanno acquisito facendo anni di gavetta e che ora devono fare le valigie per lasciare il posto al privilegiato, ultimo della graduatoria?

Ma perchè nessuno ci ascolta

Ma perchè nessuno ci ascolta ?

campagna populista

Solo una semplice campagna di opportunismo populista!!!!
Se vuole sistemare la P.A lo può fare senza infangarne tutti i lavoratori. Sono statale, lavoro sodo, non mi ammalo e non godo di legge 104! Lo so che non sono un eroe ma rientro nelle normali "casistiche" umane. Ciò che mi differenzia è lo stipendio da fame, nessuna gratificazione e l'etichetta di fannullona! Il suo "premio" ai virtuosi andrà in tasca alla solita "casta". A proposito di caste, cosa ne pensa delle auto blu?. Come campagna populista non è male....ma i suoi colleghi non sono gli statali!!!
Non vi voterò più. E lei dirà "machissenefrega!". E' ai primi posti della classifica di gradimento dei ministri e perciò lo può dire.
Convincerò tante persone intorno a me a non votarvi perchè siete stati forti con i deboli e deboli con i forti e anche questo io posso dirlo.
Buon lavoro.

LEGGE 104: il Ministro intervenga subito!

Vorrei soltanto sollecitare il ministro Brunetta a non dimenticare che la Legge 104 aspetta ancora di essere totalmente rivista.
Molte sono le persone che ne fruiscono perchè ne hanno realmente bisogno, ma ancor di più i furbi che dichiarano di assistere cugini/parenti/affini di cui non si occupano affatto.
In molte scuole, inoltre, la percentuale di beneficiari dell'art.33 c. 3 rappresenta più di un terzo, con ovvie deleterie conseguenze sulla qualtà del servizio erogato ad intermittenza a causa dell'uso indiscriminato di tali benefici.
Si concedano i preesistenti benefici (e anche più) a chi veramente assiste parenti stretti con grave disabilità,
ma si limitino le concessioni ai furbi che hanno reso l'Italia i paese di Pulcinella!

Oltre un paese di pulcinella

Oltre un paese di pulcinella siamo un paese con scuole gestita da parenti di invalidi

Sono una insegnante che,

Sono una insegnante che, oltre a "farsi il mazzo" sul lavoro come dice di fare il signore a cui rispondo,ha anche un genitore invalido al 100% non convivente che ha bisogno di continua assistenza. I 3 giorni al mese sono poco rispetto al continuo impegno che viene richiesto, ma sono comunque meglio di nulla. Io non posso neppure ammalarmi perchè non posso permettermi di rimanere a casa per gli orari di reperibilità in quanto non mi permetterebbero di assistere mio padre. Sfido chiunque a valutare la qualità del mio lavoro come docente, alunni e genitori possono confermarlo. Vorrei solo dire a quelli che si ritengono EROI perchè fanno SOLO il proprio dovere, di non tirare fango addosso a quelli che, purtroppo hanno anche altre incombenze! Ringrazino piuttosto il fatto che non hanno bisogno di usufruire della legge 104........e si vergognino un po' di quello c he dicono. Patrizia

Gentile Patrizia, oltre ad

Gentile Patrizia, oltre ad esprimerle la mia solidarietà nei confronti degli attacchi personali che deve subire da questi "colleghi male informati" (chiamiamoli così per non metterci al loro livello), volevo informarla che, per giustificati motivi (qual è quello dell'assistenza ad un disabile), ci si può allontanare dal proprio domicilio in caso di malattia, avvisando l'ufficio di appartenenza e fornendo anche l'indirizzo dell'abitazione in cui ci si reca, con l'indicazione, per quanto approssimativa, delle fasce orarie di arrivo, permanenza e ritorno. Almeno così mi è stato detto da un sindacato, e logica vorrebbe che sia verosimile. Un grosso augurio di vivere una situazione difficile senza questo stress aggiuntivo dovuto a Brunetta... e a chi non si accorge che un giorno potrebbe essere lui/lei stesso a deprecare questa ridicola politica "rigorista" che toglie i diritti, ma non i privilegi.

Bravo Ministro Brunetta, vai

Bravo Ministro Brunetta, vai contro i furbi giacchè, grazie alla 104 fasulla della mia collega io sono finita a lavorare a 50 Km da casa mia giacchè la mia collega che ha metà dei miei anni di servizio e zero titoli non poteva fare 4 Km in più perchè (ma non è vero)assiste il suocero invalido.
Fai giustizia Brunetta, io, mentre vado a lavorare, non faccio che imprecare per tutto il tragitto!
Maria

Emergenza 104 nelle scuole

Perché avete censurato il mio commento di ieri? A chi dava fastidio? Pensavo si trattasse di un forum in cui i dipendenti pubblici potessero esprimere i loro disagi! Comunque ribadisco che sono un'insegnante di scuola primaria e che il prossimo anno perderò la mia sede di servizio al posto delle ultime tre in graduatoria che, pur avendo un quinto o un terzo dei miei punti, usufruiscono della 104 e questo le rende intoccabili. Mi trovo praticamente azzerato il mio punteggio di 128 punti, risultante da 17 anni di servizio, una laurea,un corso di perfezionamento, 300 ore di corso per insegnare inglese e due figlie. Vi sembra giusto?

RISPOSTA a Daniela Latini

Gentilissima Daniela, Le garantiamo che nessuno ha censurato nulla del suo commento di ieri. Il suo "Abuso della legge 104" lo trova esattemente dove lo ha lasciato sabato 28 marzo, immediatamente sotto a questo. Per la precisione www.forumpa.it non è un forum per i dipendenti pubblici, ma un sito di informazione ed approfondimento sulle riforme della pubblica amministrazione, aperto ai commenti di tutti i lettori (dipendenti pubblici e non). Grazie per l'attenzione. buona giornata. La redazione di FORUMPA.it

Abuso della legge 104

BRUNETTA, SBRIGATI!!!!!!!! CHE ASPETTI? Sono un'insegnante di scuola primaria. Nella mia scuola la metà delle colleghe hanno la 104 e il prossimo anno verrò buttata fuori da tre colleghe con un quinto del mio punteggio! Perderò anche il comune di servizio e andrò a finire a 80 km da casa con due figlie di 7 e 10 anni ed un marito ufficiale dell'Aeronautica sempre in viaggio per missioni, ma non beneficiario di indennità di pubblica sicurezza! Le 104 in un attimo mi hanno annullato 17 anni di servizio, una Laurea, un corso di perfezionamento, due figlie e un'abilitazione per il Liceo e tutto l'amore e la dedizione con cui quest'anno ho portato avanti una prima elementare di splendidi bambini e splendide famiglie! TROPPI DANNI! TROPPI PRIVILEGI! BASTA! Mi sento azzerata, annientata. A 42 anni sono sprofondata di 20 anni indietro, a quando dovevo ancora trovare una sistemazione! E' ASSURDO!!!!!!!! BRUNETTA AIUTACI!!!!!!!!!

RISPOSTA A DANIELA

Questo commento è stato moderato!

Chiediamo di moderare i toni di questa discussione, EVITANDO, le offese, gli insulti e gli attacchi personali o saremo costretti a chiudere la possibilità di commentare.
grazie

la redazione

Salve Ho letto il suo

Salve
Ho letto il suo commento, vorrei augurarle di poter usufruire nel prossimo futuro della legge 104 in modo che si possa rendere conto personalmente di cosa vuol dire dover dare assistenza continua ad un disabile ! Sa, anche io sono una insegnante ed anche io sono super titolata, ma non ho mai messo i comodi miei davanti a quelli delle persone disabili ! Patrizia

Non voglio augurare niente di

Non voglio augurare niente di peggio a nessuno perchè non è mia abitudine farlo e anche perchè lo trovo vergognoso.Vorrei solo chiedere alla collega se si è mai trovata nella situazione reale di cedere la sede di lavoro ad una "104" meno titolata e,se ciò è accaduto,con quale spirito ha affrontato l'evento.Mi aiuterebbe se dovesse accadere a me !

NON SI PERDA ALTRO TEMPO PER

NON SI PERDA ALTRO TEMPO PER LA REVISIONE DELLA 104!!!
E' FINITO IL TEMPO DEI FURBI.

ministero per i beni e le attività culturali e legge 104

Non ammetto che l'amministrazione pubblica non faccia chiarezza sulla reale sussistenza dei requisiti necessari per la fruizione della legge 104 (e non solo) da parte di lavoratori che, a seguito dei recenti corsi di formazione e riqualificazione, vanno a ricoprire cariche - presso Regioni diverse da quella di appartenenza, salvo, subito dopo rientrare "in sede" grazie ai privilegi della legge 104 - posti, quelli, resi disponibili dalla rinuncia di altri lavoratori che, pur avanti nelle graduatorie, non si avvalgono dei benefici di una legge che, sia ben chiaro, E' SACROSANTA, ma dei quali privilegi andrebbe meglio valuta, caso per caso, la sussistenza, nei fatti e nel tempo.
E' solo una questione di rispetto nei confronti del prossimo, dei colleghi e della Pubblica Amministrazione!

Ringrazio vivamente il

Ringrazio vivamente il ministro Brunetta della volontà di rimettere mano alla legge 104/92 con tutti i suoi benefici. Sono stata una dipendente del Ministero del Tesoro dal 1985,ricevendo anche attestati di merito,PERO'essendo figlia unica ed avendo avuto problemi,prima con mio padre(ammalato di leucemia dal 1993 e beneficiato della legge 104 solo un anno-2002- prima della morte avvenuta nel 2003 in quanto non aveva nemmeno richiesto l'invalidità per gli anni precedenti)poi con mia madre chiesi ed ottenni di lavorare a part-time(vedere il mio fascicolo)proprio per non pesare sull'amministrazione.Ebbene grazie al mio essere corretta ed onesta nei confronti del MIO UFFICIO sono stata soggetta a MOBBING a differenza di tantissimi altri che grazie alle lobby campane -sindacati e quant'altro- non solo hanno vinto corsi-concorsi bleffati, ma grazie alla legge 104 riconosciute ad hoc sono anche rimaste nello stesso ufficio.SO BENE CHE NON CAMBIERA' NULLA E CHE NON SI PROCEDERA' AD ACCERTAMENTI IN QUEST'UFFCIO MA MI PIACE PENSARE CHE FORSE CI POTRA' ESSERE UN GIORNO UN PO' PIU' DI LEGALITA'E CHE I SINDACATI LOBBY E QUANT'ALTRO NON FACCIANO PIU' IL BELLO ED IL CATTIVO TEMPO SULLA PELLE DI CHI NON ACCETTA COMPROMESSI E QUANT'ALTRO.QUINDI GRAZIE MINISTRO E FACCIA PRESTO A CONTROLLARE TUTTI QUELLI CHE USUFRUISCONO DI QUALCOSA CHE E' VITALE PER CHI EFFETIVAMENTE NE HA BISOGNO.

Sono titolare di un assegno

Sono titolare di un assegno mensile di euro 248 perchè invalido civile al 75% per patologie (reali) , ho 48 anni sposato con due figli piccoli. Vorrei farle presente che non avendo più un lavoro dal 2001,
proprio a causa delle mie patologie,mi trovo ancora oggi a sopravvivere con soli 248.00 euro mensili avendo a carico moglie con due figli minorenni, la nostra costituzione non prevede altro aiuto a noi sfortunati invalidi per patologie, nemmeno gli assegni familiari. Sono iscritto al collocamento provinciale per disabili dal 17-Maggio-2005 all’art. 8 della legge 68 / 99. con percentuale di invalidità : 75 %.
Vorrei poi sottolineare che già in passato ho informato tramite raccomandata il Ministro per la Politicha per la Famiglia , il presidente della repubblica,il ministro per gli affari sociali, il presidente Berlusconi, la Presidenza del consiglio dei ministri e quanti altri preposti sia a livello governativo,sia alla regione che al comune di residenza, non avendo avuto mai nessuna risposta da alcuno.
Mi Domando ?..... E' possibile mai che non sia presente un pò di sensibilità da parte della politica Italiana per queste situazioni, che nessuno parla mai dei disoccupati con famiglie a carico, dei disagi degli invalidi,noi che tanto abbiamo aspettato l’Ascesa del nostro messia “ Berlusconi” , …..al momento dell’evento invece di sollevare le nostre sofferenze che da anni subiamo in silenzio , lui cosa fa … da a chi già ha…poco ancora un po’- e toglie a chi non ha …il poco che aveva (la dignita) .Mi saprebbe spiegare il sg. Pres. Berlusconi chi sono i poveri ,non che i pensionati siano ricchi ,ma cosi facendo tenendoci fuori dal pacchetto anti crisi, ci ha fatto detrarre che noi sfortunati non siamo nemmeno considerati come esseri umani da parte sua e di quelli che gli danno ragione .Mai prima di adesso mi sono vergognato di essere Italiano , oggi ho vergogna ! Ho vergogna che nessun sindacato sia di destra che di sinistra nomini mai la parola disoccupato,invalido ecc.ecc. noi per loro non esistiamo, danno più importanza ad animali da compagnia,o a persone criminali , o diverse… che per loro si è fatto tanto in passato e che ancora oggi sono all’attenzione di tutte le parti politiche , che per le persone disagiate. Perchè non si Apre uno sportello a livello nazionale e si cerca di dare seriamente
con urgenza una risposta a tutti quelli che come la mia famiglia vivono di questi dramma e subiscono questi abusi come avviene nelle altre nazioni a noi vicino.
La categoria degli invalidi civili non è mai oggetto delle proposte elettorali come se fossero invisibili,nemmeno quando si parla di pensioni minime, perché non si adegua l'assegno mensile al bisogno vero della famiglia, erogandogli anche gli assegni familiari !
Con coraggio e speranza provo ad esporre questo mio stato di disagio alla vostra sensibilità , auspicandomi ad una IMMINENTE legge che possa far sì che anche le famiglie disagiate come la mia possano avere il diritto alla spesa per mangiare, soprattutto in rispetto dei nostri bambini e non farli sentire anche loro disagiati verso i loro compagni, sia nella vita sociale che nella scuola.

in Fede...............Antonio Di Pietro
via stazione 13 Piedimonte di Sessa Aurunca 81030
e-mail antoniodipietro@wooow.it
antonio.dipietro1960@libero.it

il nano

Non è una questione di ideologie politiche divergenti o altro. Il governo dei nani non fa riforme, ma tagli...tutto qua. Evidentemente devono risparmiare il nostro denaro per qualche losco motivo che ancora ignoramo...mentre noi qui ci facciamo la guerra tra poveri per difendere le nostre idee..

LEGGE 104

USUFRUISCO DELLA LEGGE 104 ,AVENDO UN FIGLIO PORTATORE DI HANDICAPP ,DA OLTRE 10 ANNI ; GIA' DA TEMPO ERO CONVINTO CHE PRIMA O POI CI SAREBBERO STATE RESTRIZIONI. NEL CORSO DEGLI ANNI HO VISTO E SENTITO TANTI ....MA TANTI ABUSI... PERSONE CHE HANNO BENEFICIATO DELLA LEGGE SENZA MAI ASSISTERE EFFETTIVAMENTE I PORTATORI DI HANDICAPP ,SPESSO GENITORI. CONTROLLI PIU' SEVERI DA PARTE DELLE COMMISSIONI MEDICHE E RESTRINGERE L'ELENCO DELLE PATOLOGIE COSI COME FECERO A SUO TEMPO CON LE CURE TERMALI.

Il Ministro Brunetta ha

Il Ministro Brunetta ha fatto la legge solo per chi ha HANDICAPP a casa,
per quelli che hanno la 104 personale, non solo il rendimento e pari all'invalidita
anche li paga, quanti falsi invalidi ci sono in questi uffici, ma ci sono pure quelli veri
Una persona come te che ha un figlio portatore di HANDICAPP quando lavori devi rendere
il 100% in ufficio e a casa, vedi quante cose ingiuste ci sono la legge doveva essere uguale per tutti

in questo ufficio dove lavoro, ce ne sono tre che hanno la 104 e quando hanno i giorni
vanno a giocare a calcio

Non si è capito nulla...

... di questo commento. Ma perchè censurate solo chi non la pensa come voi e non anche chi mette per iscritto parole a vanvera senza un filo logico? A ben guardare, è vero il contrario: nel rispetto della libertà di espressione, non dovrebbe essere censurato proprio chi ha una opinione diversa, ma almeno la esprime con chiarezza...