Cerca: Articolo

Risultati 1 - 10 di 1548

Risultati

Infografiche, tutorial, star rating: i dati di OpenCivitas accessibili a tutti

Un aggiornamento dei dati più frequente, incontri sul territorio per spiegare come funziona il portale e a cosa serve, nuovi strumenti per rendere l'applicazione sempre più interattiva: ecco come, nei prossimi mesi, proseguirà lo sviluppo di OpenCivitas, il portale open data realizzato dal Dipartimento delle Finanze e SOSE. In tutte le iniziative la parola chiave è semplicità, per rendere chiari e accessibili a tutti i dati disponibili sul portale. Ne abbiamo parlato con Fabio Basile ed Emanuele Schirru, rispettivamente Responsabile Comunicazione e Marketing e Responsabile ICT di SOSE.

Leggi tutto

Quanto incassano i Comuni grazie ai servizi pubblici?

Le grandi città italiane incassano in media 123 euro pro capite grazie ai servizi pubblici. Nel 2012 guidava Milano (€417), seguita da Verona e Firenze. Chiudono Bari, Messina e Catania.

Leggi tutto

Un passo in avanti verso il FOIA, approvato emendamento in Commissione

E' stato approvato ieri (30 giugno) in Commissone Affari Costituzionali un emendamento al DDL delega sul riordino delle amministrazioni pubbliche (Riforma Madia) che sancisce che: "chiunque, indipendentemente dalla titolarità di situazioni giuridicamente rilevanti" debbaa vedersi garantito l'accesso ai dati e ai documenti detenuti dalle Pubbliche amministrazioni, "nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati".

Leggi tutto

Le novità introdotte dal Decreto Legge n. 78/2015: modifica del CAD e Carta d'Identità Elettronica

Da pochi giorni è entrato in vigore il decreto che dispone nuove regole in materia di Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente e Carta di identità elettronica, i cui maggiori interessati sono gli enti territoriali. A seguire il contributo dello Studio legale Lisi ne offre una chiave interpretativa.

Leggi tutto

Siti web pubblici alla prova dell'usabilità. I dati di Forum PA 2015

Il Ministero dell'Interno tra le amministrazioni che a #FPA2015 hanno condotto i test semplificati applicando il protocollo eGLU. Verso eGLU 2.1 e Glu-M, passando per Wiki PA.

Leggi tutto

Fondi Europei: obiettivo 100% per il Lazio con cabina di regia, partecipazione e monitoraggio

«Rispetto al passato, dove spesso si passava dalla programmazione alla rendicontazione, ora l’enfasi è sul monitoraggio e la gestione dei programmi e dei progetti nelle loro tre dimensioni: efficacia, avanzamento fisico, tempistica.

Leggi tutto

Corte Costituzionale sul blocco dei contratti pubblici: incostituzionale, ma senza retroattività

Il blocco dei contratti del pubblico impoego - voluto prima dal Governo Berlusconi nel 2010 come risposta in emergenza alla crisi dello spread e prorogato dai Governi Letta e Renzi dino al 31 dicembre 2015 - è incostituzionale. Lo ha affermato la Corte Costituzionale con il pronunciamento di ieri, 24 giugno che, però, allo stesso tempo, ha anche salvaguardato le casse dello Stato. 

Leggi tutto

Una proposta per la smart mobility: rivedere il sistema delle multe?

E' un grave errore confondere le multe stradali con gli altri pagamenti a beneficio dell’Ente pubblico. Se si dimentica che il fine delle sanzioni è punire, allo scopo di fare da deterrente ai comportamenti scorretti e potenzialmente nocivi, si rischia di compromettere l’idea stessa di sicurezza stradale. Il contributo di Carlo Sgandurra fornisce una bella analisi di come è evoluto il concetto di "contravvenzione" e propone una via di uscita per "rimediare" ad una distorsione ormai fin troppo radicata nel nostro modo di vivere e... nelle pratiche contabili dei nostri enti locali. La strada per una smart mobility passa anche da qui.

Leggi tutto

Alienazione di beni patrimoniali, quando il Comune vende

Attraverso la vendita di beni mobili e immobili, i Comuni italiani incassano un buona parte di soldi ogni anno. Guida Venezia con €276 pro capite, subito dietro Torino (€244) e Padova (€169).

Leggi tutto

Massive Open Online Courses: si scrive MOOCs, si legge nuova didattica online

L’Unione Europea si propone di diventare l’economia della conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, posizionando al centro dei suoi programmi l’istruzione superiore e la formazione permanente. Due punti cardinali di un processo di rinnovamento sociale che appare lungo, complesso, ma organico. Rinnovamento avviato con il processo di Bologna[1] ma che continua con Europe 2020 - la strategia EU per garantire una crescita più sostenibile e inclusiva. È in questo contesto che vedono la luce due dei progetti universitari di elearning più interessanti sul territorio italiano. Stiamo parlando di Federica e di Emma.

Leggi tutto